Registrazione degli orari

Una domanda importante, soprattutto per la gestione del personale: quante ore di lavoro hanno effettuato i collaboratori? Qui entra in gioco la registrazione degli orari che permette di memorizzare le ore di presenza dei lavoratori. In questo caso, il termine “presenza” è importante, poiché, secondo il codice civile tedesco (BGB), è possibile registrare solo questi orari, senza averne ottenuto il consenso. Per registrare altri dati (ad esempio la permanenza o la durata della permanenza in determinate aree), è necessario ottenere, in precedenza e separatamente, il consenso al riguardo.

 

Vantaggi della registrazione degli orari per le aziende

Sono molti i motivi per cui le aziende decidono di introdurre la registrazione degli orari. Innanzitutto, è evidente che, per quanto riguarda la gestione degli orari, il lavoro viene decisamente facilitato perché, in tal modo, si automatizzano dei processi che altrimenti andrebbero eseguiti manualmente e che pertanto costerebbero ore di lavoro. Risparmiando ore di lavoro, si ottengono risparmi anche in termini di costi, poiché il tempo risparmiato può essere utilizzato in modo produttivo in un altro ambito.

Supposto che vi sia il consenso di cui sopra, oltre alla semplice registrazione degli orari, è possibile anche classificare più chiaramente gli orari di determinati progetti e attività ed eventualmente ottimizzare la pianificazione. Le conoscenze così acquisite possono anche essere utilizzate in modo redditizio in futuro.

Con una registrazione ottimale degli orari, il datore di lavoro può, quindi, monitorare meglio i processi e avere, inoltre, una panoramica migliore su ciò che accade nell’impresa o in azienda.

 

Possibilità della registrazione degli orari

Per poter ottenere anche il risparmio di tempo desiderato mediante la registrazione degli orari, occorre naturalmente un sistema adeguato. Una registrazione degli orari tramite elenchi gestiti autonomamente o le schede con le registrazioni delle presenze lette manualmente darebbero luogo a perdite di tempo anziché a guadagni. In questo caso, si timbra invece solo in senso figurato, ad esempio per “registrarsi” in un terminale.

Per la registrazione è necessario un mezzo adeguato. Nella maggior parte dei casi sarà una tessera di plastica, ma è anche possibile effettuare la registrazione degli orari con un chip o addirittura tramite l’impronta digitale. È ipotizzabile anche l’utilizzo di uno smartphone, ad esempio, mediante un codice QR o a barre generato tramite app.

 

Zeiterfassung
Digitale Zeiterfassung

I costi della registrazione digitale degli orari.

Quando si tratta di installare un sistema digitale per la registrazione degli orari, all’inizio ci si aspetta soprattutto costi elevati. Questo, però, è soltanto un aspetto iniziale, poiché non si impiegherà molto tempo ad ammortizzare i costi dell'installazione di un sistema digitale per la registrazione degli orari.

Uno dei fattori da considerare è il risparmio dei costi già menzionato all’inizio, poiché in tal modo, si sgrava il lavoro dei collaboratori che si occupano della gestione degli orari e si hanno quindi a disposizione delle risorse che possono essere utilizzate in modo redditizio in un altro ambito.

A ciò si aggiunge il fatto che nonostante l’installazione di un impianto rappresenti, come già descritto, un costo elevato, le spese ricorrenti sono estremamente ridotte. Il sistema digitale per la registrazione degli orari è, quindi, un investimento per il futuro.

 

 

 

Integrazione nell’impianto di chiusura digitale.

Come per il sistema di registrazione degli orari, anche nel caso di un impianto di chiusura digitale, l’investimento si ammortizza nell’arco di un breve tempo grazie alle ridotte spese ricorrenti e alla scarsa necessità di manutenzione.

Nel caso in cui utilizziate già un sistema digitale per la registrazione degli orari, ad esempio tramite tessere, vi è la possibilità di impiegare tali tessere anche per il nostro sistema di controllo degli accessi. Parlatene con noi!

 

Per favore, chiamatemi: