Un importante componente di chiusura: il cilindro di chiusura

Il componente principale per eseguire la chiusura è senza dubbio il cilindro di chiusura. Sia negli edifici residenziali, sia nelle porte delle abitazioni o nei locali aziendali, sono installati dei cilindri di chiusura che devono impedire l’accesso non autorizzato.

 

Le caratteristiche del cilindro di chiusura

La variante di gran lunga più diffusa è, ancora oggi, il cilindro di chiusura meccanico. Per poter effettuare la chiusura in un cilindro di chiusura, è necessaria una chiave il cui profilo sia compatibile con il cilindro. Per questo, tra l’altro, sulla chiave sono presenti delle scanalature. Se il profilo della chiave combacia con il cilindro di chiusura, è possibile effettuare l’apertura e la chiusura.

Tale meccanismo nel cilindro di chiusura è sempre uguale, tuttavia esistono diversi modelli di cilindri di chiusura. Di seguito, sono presentati, con degli esempi, i vari tipi di cilindri di chiusura.

 

La versione più diffusa: il cilindro profilato

Il cilindro profilato potrebbe anche essere chiamato cilindro di chiusura “classico”. Un’altra sua denominazione molto in uso è “doppio cilindro”, poiché è possibile inserire e utilizzare una chiave da entrambi i lati. Per tali motivi, il cilindro profilato è utilizzato molto spesso nelle porte di ingresso.

Su richiesta, è inoltre possibile dotare il cilindro profilato della cosiddetta funzione di pericolo. Può essere utile, infatti, poter effettuare la chiusura da entrambi i lati del cilindro di chiusura, anche se da un lato è già inserita una chiave. Questa variante è consigliabile, ad esempio, per le abitazioni con un solo ingresso, affinché sia possibile entrare in casa anche se nel lato interno dell’abitazione è rimasta, per sbaglio, inserita la chiave.

 

Schließzylinder

Altri cilindri di chiusura utilizzati

Oltre al cilindro profilato, gli altri cilindri di chiusura da menzionare sono il cilindro con pomolo, il semicilindro, il cilindro a leva e il cilindro esterno.

Il cilindro con pomolo è un cilindro di chiusura che si può chiudere con una chiave solo da un lato, mentre dall’altro lato, esso è azionato da un pomolo (da cui il nome). Ciò significa che il cilindro può sempre essere azionato dal lato della porta sul quale è montato il pomolo.

Il semicilindro, invece, può essere chiuso, in genere, solo da un lato, in quanto non è dotato di pomolo. Per questo cilindro di chiusura, si deve tenere in considerazione che, all’interno, la sua lunghezza è sempre di 10 mm, e questa è la sua lunghezza fissa. Spesso, ad esempio, sono dotate di un semicilindro le porte degli appartamenti e delle cantine.

Piuttosto semplice e pertanto, anche per ragioni di sicurezza, non molto utilizzato, è il cilindro a leva, che, ad esempio, si trova in molte cassette delle lettere. Esso permette l’apertura attraverso una leva che ruota quando si inserisce la chiave nella serratura.

Inoltre, vi è anche il cilindro esterno, che, ad esempio, viene impiegato soprattutto nei portoni dei garage. In questo caso, il cilindro esterno è avvitato all’interno.

 

Notausgang

Il ruolo particolare del cilindro antipanico

Tra i cilindri di chiusura, il cilindro antipanico, noto anche come “serratura antipanico”, assume un ruolo importante che va descritto separatamente. Tale cilindro di chiusura è particolare in quanto può essere chiuso solo da un lato. In un primo momento, esso sembra simile al semicilindro, con la differenza che nel cilindro antipanico, il lato della porta che non si può chiudere può essere aperto in qualsiasi momento per permettere, eventualmente, una fuga rapida.

Pertanto, una porta dotata di tale cilindro di chiusura, solitamente, ha anche la particolarità di non avere la maniglia tradizionale, bensì un maniglione antipanico situato all’altezza in cui generalmente si trova la maniglia della porta. Tale maniglione ha il vantaggio di fare azionare automaticamente la porta, nel caso in cui dovesse affluire una numerosa folla di persone in una situazione di panico.

 

 

 

 

Il cilindro di chiusura digitale come valida alternativa

I modelli finora descritti si riferiscono quasi esclusivamente ai cilindri di chiusura meccanici, spendiamo ora poche parole sul cilindro di chiusura digitale. Tale cilindro è una valida alternativa poiché presenta molti vantaggi. In questo caso, come mezzo di chiusura si riceve un transponder (o un altro mezzo digitale) con il quale è possibile aprire le porte (e i relativi cilindri di chiusura).

Il mezzo di chiusura digitale presenta il vantaggio di poter essere riprogrammato nel piano di chiusura con pochi clic del mouse ed è anche possibile modificare i diritti di accesso. Inoltre è decisamente più sicuro della classica chiave. Ad esempio, in caso di smarrimento di un transponder, è possibile effettuarne il blocco nel relativo impianto in modo semplice, senza dover sostituire chiavi e cilindri di chiusura.

 

Informazioni sull’impianto di chiusura digitale

Qui scoprirete quanto sono sicuri, flessibili e comodi i sistemi di chiusura come il sistema 3060. Per ulteriori richieste, contattateci in qualsiasi momento!