Monitoraggio dello stato della porta: nessun problema se il sistema è digitale

Quando la polizia giudiziaria pubblica le sue statistiche sui furti con scasso, una certa percentuale riguarda di solito i casi in cui qualcuno ha dimenticato di chiudere in modo sicuro la porta di casa. Se il proprietario della casa disponesse di un sistema di monitoraggio dello stato della porta, questi casi potrebbero essere evitati. Ciò che in un’abitazione privata avrebbe comportato solo una brevissima ispezione all'ingresso o alla porta della cantina non può essere realizzato in edifici industriali, amministrativi o commerciali di dimensioni maggiori. In questo caso, il controllo manuale di tutte le porte dell'edificio è troppo dispendioso in termini di personale, tempo e costi e quindi non è realistico.

Tuttavia, in questi edifici rimane indispensabile conoscere lo stato delle porte più importanti in particolare e tenerle costantemente sotto controllo. Un controllo completo e affidabile di questo tipo non è possibile in edifici con sistemi di chiusura puramente meccanici. Qui, teoricamente, chiunque sia già nell'edificio e chiunque abbia una chiave può cambiare lo stato di chiusura di una porta dall'esterno senza essere immediatamente notato. L'unica eccezione sono le vie di fuga, che vengono monitorate elettronicamente in ogni edificio indipendentemente dalla tecnica di chiusura utilizzata, in modo che in caso di pericolo si aprano effettivamente verso l'esterno e permettano la fuga senza bisogno di altri aiuti. Il monitoraggio viene effettuato tramite un contatto elettronico che emette un segnale acustico o ottico quando la porta viene attivata.

In quale stato possono essere le porte? Sono ipotizzabili le seguenti situazioni:

  • aperte
  • aperte (troppo) a lungo
  • chiuse (solo mediante lo scrocco)
  • chiuse con 1 mandata
  • chiuse con 2 mandate
Digitale Türzustandsüberwachung

 

Negli edifici moderni, il monitoraggio dello stato delle porte tramite la tecnologia di chiusura digitale è uno dei requisiti centrali di un concetto di sicurezza sensato ed efficace.

Generalschlüssel_Sicherheitspersonal Generalschlüssel_digitales_Schliesssystem

A differenza degli edifici con tecnologia di chiusura meccanica, lo sforzo richiesto per il controllo e il monitoraggio è relativamente basso e può essere facilmente gestito da una sola persona (portiere, facility management, guardia di sicurezza). La tecnologia di chiusura digitale crea i presupposti per poter richiamare tutti gli stati della porta sopra citati, per averli sempre sott’occhio e per poter reagire immediatamente in caso di modifiche alla porta. In qualità di pioniere della tecnologia di chiusura digitale, SimonsVoss offre a tale scopo la funzione “DoorMonitoring”, se necessario in combinazione con il programma di visualizzazione “SmartSurveil”.

L'elettronica utilizzata in questo caso può fare molto di più che distinguere tra “aperto” e “chiuso”. Quando si utilizzano sistemi di chiusura digitali, il monitoraggio dello stato delle porte consente di registrare e documentare qualsiasi variazione in modo permanente. I mezzi di chiusura digitali con cui le persone alle porte devono identificarsi permettono di trarre conclusioni immediate su chi ha azionato una determinata porta in un determinato momento, indipendentemente dal fatto che ne avesse o meno il diritto. Questa tracciabilità è una caratteristica estremamente preziosa, soprattutto per le porte che conducono ad aree ad alta sicurezza. Di conseguenza, il monitoraggio dello stato delle porte con supporto digitale può essere concentrato anche su alcune aree sensibili dell'azienda.

 

La tecnologia di chiusura digitale con porte collegate in rete rende molto semplice il monitoraggio dello stato delle porte. Con la combinazione dei cilindri di chiusura DoorMonitoring e del software SmartSurveil sullo schermo del suo computer, il portiere o il facility manager può sempre, e soprattutto dopo l'orario d'ufficio, vedere immediatamente se e dove nell'edificio una porta è ancora aperta o non è stata chiusa correttamente. Inoltre riceve automaticamente un messaggio se lo stato di una porta cambia o se una porta rimane aperta per troppo tempo perché qualcuno ha dimenticato di chiuderla e bloccarla. È quindi ovvio come il livello di sicurezza nell'edificio possa essere notevolmente aumentato con un sistema di monitoraggio dello stato delle porte basato sulla tecnologia di chiusura digitale rispetto al tradizionale sistema di chiusura meccanico.

A proposito, il principio funziona anche al contrario: con le apparecchiature digitali descritte, il portiere o il facility manager può anche sbloccare a distanza le porte in caso di emergenza.