Autorizzazione di accesso

Una semplice considerazione: senza autorizzazione di accesso non si può accedere. Sia che si tratti di biglietti di ingresso per manifestazioni o attrazioni o di biglietti per i mezzi di trasporto, per determinati luoghi è necessaria un’autorizzazione di accesso. Dunque anche la chiave può essere considerata un’autorizzazione di accesso, poiché chi desidera aprire una porta necessita proprio di essa che quindi non rappresentata solo l’autorizzazione simbolica, ma allo stesso tempo, anche il mezzo per aprire la porta.

 

Home Sweet Home

Il significato principale, e anche il primo che viene in mente in questo caso, è l’autorizzazione ad accedere all’appartamento, o alla casa, che si possiede o si prende in affitto. Anche qui è ovviamente necessaria una chiave. Essa spetta naturalmente al locatario/proprietario, ma potrebbe essere necessaria anche ad altre persone: ai familiari, ai parenti, ai coinquilini, eventualmente anche ai vicini (lasciata come chiave di riserva) e forse anche alle persone che si occupano della pulizia della casa.

Intorno alla casa
Non c’è, però, solo la casa o l’appartamento. È possibile che vi siano anche ulteriori autorizzazioni di accesso per le aree adiacenti agli spazi abitativi: il parcheggio (ad esempio, un garage), il capanno del giardino o simili. Anche qui è necessaria una chiave, quando qualcuno ha l’autorizzazione ad accedere in tali luoghi.

 

Zutrittsberechtigung in privaten Haushalten

Al lavoro

Un altro luogo importante per il quale è necessaria un’autorizzazione di accesso è il proprio luogo di lavoro. Può trattarsi di una sola autorizzazione ad accedere o, a seconda del luogo di lavoro, possono esserci anche autorizzazioni di accesso diverse. Al riguardo vanno fatte alcune considerazioni. È sufficiente l’ingresso principale? La propria postazione di lavoro è chiusa separatamente? Vi sono anche altre aree per le quali è necessaria un’autorizzazione di accesso, come il magazzino o la sala server? Nel caso in cui vi siano tali autorizzazioni di accesso, sono necessarie anche delle chiavi. Inoltre, è necessario considerare anche se, ad esempio, esiste un parcheggio aziendale per il quale occorre un’ulteriore autorizzazione di accesso.

Accesso dall’esterno

Le persone che fanno parte dell’azienda non sono le uniche ad avere l’autorizzazione ad accedervi, anche altri collaboratori potrebbero essere autorizzati. Rispetto all’ambito privato, potrebbero esserci più addetti alle pulizie e potrebbero avere accesso anche i visitatori esterni come i fornitori qualora, ad esempio, debbano avere la possibilità di accedere autonomamente al magazzino per depositarvi direttamente la merce fornita. Anche in questi casi è necessaria un’autorizzazione di accesso.

 

Schlüssel verloren

L’autorizzazione di accesso più comune: la chiave

Tanto comune è la chiave e altrettanto può diventare pesante, cioè quando non se ne porta con sé solo una, ma parecchie. Più autorizzazioni di accesso si hanno e maggiore è il numero di chiavi. Pertanto, soprattutto in ambito lavorativo, il mazzo di chiavi si ingrandisce rapidamente.

Ciò significa che chi porta con se molte chiavi rischia anche più rapidamente di perderne una o più. Indipendentemente dalla loro quantità, perderne una, o parecchie, è sempre un fatto spiacevole anche dal punto di vista finanziario. Una cosa è certa: anche se di fatto si ha ancora l’autorizzazione di accesso ai locali, senza chiave non è possibile accedervi. A ciò si aggiunge la possibilità che qualcuno trovi la chiave smarrita e ottenga così, in modo illecito, un’autorizzazione di accesso. Un altro aspetto è che, per ripristinare la sicurezza, è necessario sostituire i cilindri e le chiavi, il che, a seconda della quantità e del tipo di chiavi, può diventare un onere finanziario notevole.

In questo caso, una valida alternativa è l’utilizzo di un impianto di chiusura digitale. Ciò permette di risparmiarsi la consegna della chiave analogica e di ridurre, inoltre, la quantità di chiavi. O in questo caso, dei mezzi di chiusura. Poiché tutte le autorizzazioni di accesso possono essere memorizzate in modo centralizzato su un unico mezzo (idealmente un transponder). In tal modo, vi è più spazio in tasca e meno spazio per le preoccupazioni.

 

 

 

 

 

 

 

 

I vantaggi del digitale

Come già descritto, con un impianto digitale si ha la possibilità di memorizzare tutte le autorizzazioni di accesso su un unico transponder (a scelta anche su una SmartCard o su un altro mezzo), anziché avere numerose chiavi. E qualora capitasse di smarrirlo, il danno non è grave, poiché, in questo caso, il mezzo di chiusura può essere bloccato facilmente nell’impianto.

Un ulteriore vantaggio è rappresentato dal fatto che le autorizzazioni di chiusura non solo sono riunite in un unico mezzo, ma possono anche essere limitate in termini di tempo. Ad esempio, se in un’azienda si sa che i fornitori arrivano sempre tra le 8 e le 10 di mattina, è possibile impostare le loro autorizzazioni di accesso nell’impianto di chiusura anche solo per tale finestra temporale, semplicemente con pochi clic.

 

Se siete interessati...

Chiedete subito informazioni sulla tecnologia di chiusura digitale e approfittate di una soluzione semplice e comoda, come ad esempio il sistema 3060 di SimonsVoss, che vi permetterà di reagire sempre in modo flessibile.